Cerca uno specialista

Relax

Relax
La malattia principale del nostro millennio è senza dubbio lo stress. Ogni giorno siamo bombardati da immagini, suoni e rumori, stimoli, richieste di prestazioni che mandano alla malora il nostro equilibrio psico-fisico. La vita moderna ci porta sempre più spesso ad accumulare tensioni e nervosismi che provocano un’enorme dispersione di energia vitale con conseguente perdita di equilibrio e gioia di vivere. Il che a volte può portare all’insorgenza di malattie psicosomatiche anche gravi. Tutti possono essere stressati: lo sono gli impiegati, le mamme, le persone che lavorano in ufficio o a contatto col pubblico, lo sono perfino i bambini. 
Il vero rilassamento. Ecco che la ricerca di spazi dove ricaricare le batterie e di metodi per ritrovare una quiete interiore e mentale  diventano oggi indispesabili. Il relax è la parola magica in grado di far ritrovare il benessere perduto. Nel suo significato generale e comune, relax (o rilassamento) vuol dire distendersi, riposarsi a livello fisico e psicologico. E’ la riduzione di uno stato di tensione (situazione dell’organismo pronto all´azione, caratterizzato, in genere, da inquietudine e da disagio). E’ inutile aspettare il momento delle vacanze per iniziare a rilassarsi. Anche perché, per ottenere risultati soddisfacenti, spesso non è sufficiente dormire o riposarsi (senza contare che le vacanze possono essere a loro volta fonte di ulteriore stress). Bisogna innanzitutto imparare a rilassare il proprio corpo a livello muscolare ma anche emozionale e mentale, e lo si può fare adottando determinati stili di vita ma anche grazie a tecniche e pratiche particolari, la maggior parte delle quali arrivano dal lontano oriente. I risultati che si possono ottenere sono straordinari. 
Cosa succede quando siamo stressati? In caso di stress acuto ad essere coinvolti sono il sistema endocrino, il sistema nervoso vegetativo (o autonomo) ed il sistema immunitario. Il primo reagisce immediatamente alle situazioni di stress improvviso e modifica la produzione di diversi ormoni: aumentano adrenalina e noradrenalina (catecolamine), il cortisolo, l’ormone della crescita (GH), la prolattina, pian piano si innalzano gli ormoni tiroidei. Gli ormoni sessuali tendono ad abbassarsi, mentre aumenta la glicemia, come pure colesterolo e trigliceridi. Anche il sistema nervoso vegetativo reagisce immediatamente producendo adrenalina e noradrenalina per attivare l’organismo e per prepararlo a fronteggiare o a evitare la situazione stressante. Per quanto riguarda il sistema immunitario, infine, bisogna ricordarsi che esso è molto sensibile allo stress. In una fase iniziale potremo avere una diminuzione della risposta immunitaria, successivamente è più facile avere un aumento della produzione degli anticorpi (immunostimolazione reattiva). Risultato? Una pessima qualità della vita e possibile insorgenza di reali patologie. Ecco i principali quadri clinici prodotti dallo stress: ansia - insonnia - panico - depressione - affaticamento - cefalea - ipertensione arteriosa - perdita di memoria e concentrazione - palpiatazioni - ipereccitabilità muscolare - dismenorrea - disturbi sessuali (vaginismo, eiaculazione precoce, impotenza). 
Cosa succede quando invece ci rilassiamo? Accade che finalmente il corpo si riposa ed elimina tossine e tensioni. Si rafforza il sistema immunitario, le emozioni tendono a calmarsi  e le percezioni esterne ed interne aumentano e cominciano a funzionare in modo nuovo, aumentando perfino la capacità del cervello di apprendere. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che per un apprendimento costante e duraturo servano certe sostanze che il sistema nervoso mentre ci stiamo divertendo. Si tratta delle “endorfine”, le stesse sostanze che vengono liberate per calmare il dolore, dopo un allenamento sportivo o durante l’attività sessuale. Certo al giorno d’oggi sperimentare una situazione di relax completo è estremamente raro, ma con un pizzico d’impegno possiamo allenare il nostro corpo a sopportare meglio lo stress e a raggiungere più spesso uno stato di rilassamento grazie a sport, discipline orientali, tecniche particolari. Con una condizione essenziale: una corretta respirazione. La tensione nervosa tende infatti ad alterare il ritmo e la profondità del respiro, con conseguente diminuzione dell’ossigenazione del sangue. Viceversa un buon controllo del respiro può aumentare l’ossigenazione e regolare il ritmo in modo equilibrato. Il che è sinonimo di relax e benessere. Tra i metodi di rilassamento naturale c’è proprio la respirazione addominale (diaframmatica profonda), che però con l’età tendiamo a sostituire con quella toracica. Uno dei primi passi per rilassarsi è quindi re-imparare quella respirazione addominale che da piccoli ci veniva tanto naturale. 
Altre tecniche di rilassamento:
- Yoga. E’ una disciplina che mira a eliminare fastidi e dolori e a ristabilire equilibrio e armonia nel corpo, nello spirito e nella mente, il tutto grazie a specifici esercizi di stiramento dei muscoli, di concentrazione e di rilassamento. Può essere praticato ad ogni età e consiste in movimenti lenti e armoniosi con i quali l’individuo prende coscienza del proprio corpo, della propria postura ma anche del proprio stato mentale. In questo modo riesce a riconoscere in quali parti del corpo si concentrano le contratture muscolari e le tensioni da sciogliere. 
- Qi Gong. Si tratta di una disciplina della medicina tradizionale cinese, definita anche come “l’arte di sentirsi bene”. Attraverso un insieme di tecniche ed esercizi fatti per riequilibrare il corpo e per sviluppare energia vitale si raggiunge uno stato di benessere fisico e mentale che serve ad affrontare e a guarire certi stati di sofferenza. Nel Qi Gong tutte le parti dell’organismo, corpo, mente, respiro, spirito ed energia, collaborano tra loro. Il principio base è quello del Qi (energia vitale), che secondo la medicina tradizionale cinese dev’essere indirizzato in modo corretto nel proprio corpo. In questo modo riesce a guarire l´organismo, eliminando i blocchi e i ristagni che provocano le malattie e riducendo lo stress e la tensione, a favore di un generale stato di benessere. Il Qi si guida soprattutto attraverso la respirazione, la concentrazione, la meditazione, e il controllo della postura. 
- Cromoterapia. Anche questa terapia (in genere associata ad altri trattamenti medici) deriva dalla medicina orientale e si basa sul principio dell’effetto dei colori sulla salute e sullo stato d’animo dell’essere umano. E’ così che, per la cromoterapia, i colori degli ambienti in cui viviamo, degli abiti che portiamo, degli oggetti che ci circondano, dei cibi che mangiamo e dell’acqua con la quale ci laviamo agiscono sul sistema nervoso, metabolico e immunitario e se correttamente utilizzati hanno apportano effetto benefico, rilassante ed energizzante. Le stazioni termali, i centri benessere e i luoghi di cura utilizzano spesso i principi della cromoterapia per indurre un maggiore benessere in pazienti e clienti.
- Musicoterapia. In questo caso sono la musica e i suoni ad essere utilizzati per scopi terapeutici, al fine di ristabilire il benessere fisico attraverso il riequilibrio psico-fisico. Per l’induzione del rilassamento si ricorre all’ ascolto a basso volume di brani lenti e ripetitivi, sempre secondo i gusti della persona. Per lo più si usano brani di musica classica (Bach, Mozart, Chopin, ecc.), ma possono essere molto utili anche brani new age e simili. L’effetto tranquillizzante della musica è dovuto ad un aumento dell’attività dell’emisfero destro del cervello, responsabile dell’attività immaginativa e creativa, con diminuzione del lavoro dell’emisfero sinistro, sede del linguaggio, del pensiero razionale e della capacità di calcolo. Oltre che di aiuto nel trattamento di stress, ansia, disturbi psicosomatici e depressione, la musicoterapia è usata anche in neuropsichiatria infantile come mezzo di comunicazione col bambino autistico. I risultati della musicoterapia sono conoscuuti e utilizzati anche in moltissimi centri benessere dove sempre più spesso, durante i trattamenti, si può ascoltare musica che aiuta nel rilassamento e quindi favorisce l’effetto delle terapie. 
- Meditazione. E’ una tecnica con la quale un individuo prende coscienza della propria mente cercando di raggiungere la massima felicità. Lo scopo è fare in modo che i pensieri positivi prendano il sopravvento su quelli negativi, e raggiungere in questo modo un buon livello di rilassamento fisico e mentale. 
- Training autogeno (o tecnica di autorilassamento). E´ una tecnica di rilassamento creata ai primi del ‘900 dal dottor Schultz ed è mirata al raggiungimento dell’autonomia dell’individuo nel rilassarsi e quindi stare bene, senza il bisogno di un terapeuta. Viene applicata per il controllo e la gestione delle tensioni e delle emozioni e nella cura delle malattie psicosomatiche; spesso viene usata anche nello sport per raggiungere un alto livello di concentrazione. La tecnica è quella della concentrazione passiva con l’uso di formule di autosuggestione.  All’ inizio vengono insegnate alcune importanti posizioni del corpo che facilitano il rilassamento e poi si passa allo svolgimento degli esercizi. Si procede quindi con esercizi specifici per ogni apparato, cefalico, cardiaco, addominale, respiratorio, vascolare e muscolare. In genere il training autogeno si pratica distesi su un divano o su una idonea poltrona. E’ importante mettersi in un ambiente tranquillo, in penombra, e indossare indumenti comodi. Una volta appreso, la sua pratica è facile e bastano pochi minuti per ottenere un buon stato di rilassamento. 
- Massaggio. La sua azione rilassa i muscoli e stimola la circolazione locale e per questo è fonte di relax e benessere. Altro effetto importante è quello tranquillizzante del contatto fisico, tale da rievocare ancestrali sensazioni psico-corporee collegate alle cure materne. 
Infine non bisogna scordare che immergersi nella natura di tanto in tanto è una preziosissima ed economica fonte di benessere e relax. Una passeggiata nei boschi aiuta a ritrovare il contatto perso con la natura, così come la tranquillità e l’aria pulita producono un senso di rilassamento e aiutano a ritrovare le energie e il benessere generale. 
 
Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.