Cerca uno specialista

Igienista Dentale

Igienista Dentale

L´igienista dentale è un operatore sanitario che si occupa della prevenzione delle patologie oro-dentali, su indicazione degli odontoiatri o dei medici chirurghi abilitati alla professione di odontoiatra. L´igienista dentale esercita la propria professione in piena autonomia, in regime di dipendenza o libero professionale, anche in studi privati e senza l´obbligo di presenza del dentista. 

 


CENNI STORICI

 

La figura dell´Igienista Dentale è stata proposta il 24 febbraio 1974 a livello comunitario con una risoluzione del Consiglio dei Ministri, mentre in Italia tale figura professionale nasce, de factu,  nel 1976 grazie ad un corso biennale sovvenzionato dalla regione Molise, che però non riesce ad ottenere alcun riconoscimento giuridico.
L´Università di Bari, nel 1978, istituisce la prima Scuola Diretta a Fini Speciali per Igienista Dentale, avviando il dibattito all´interno delle Istituzioni nazionali per il riconoscimento della professione.
Nel 1988 ad Ancona, viene istituita la prima Scuola Regionale  per Igienisti Dentali, mentre un anno dopo, nel 1989, anche l´Università di Bologna crea la propria Scuola Diretta a Fini Speciali per Igienista Dentale.

Con il Decreto Ministeriale del 24 luglio 1996 sono istituiti i Corsi di Diploma Universitario triennali (CDU) dell´area sanitaria, che costituiscono le Scuole Dirette a Fini Speciali: fra questi compare anche il CDU per Igienista Dentale.

Con il Decreto Interministeriale del 2 aprile 2001 vengono determinate le classi di lauree universitarie delle professioni sanitarie e la laurea in Igienista Dentale viene ricondotta alla classe 3, classe delle lauree in professioni sanitarie tecniche, mentre un altro decreto interministeriale (il n.509 del 3 novembre 1999) prevede la trasformazione dei diplomi universitari triennali dell´area sanitaria in Lauree di I livello (a seguito di questa trasformazione, i diplomati dei CDU possono accedere alla laurea di specializzazione).

Il decreto Ministeriale del 27 luglio 2000 introduce, poi, il principio di equipollenza dei titoli di igienista dentale e assistente di studio odontoiatrico.

Di grande importanza per questa figura professionale sono le responsabilità che le vengono attribuiti dal D.P.R. n. 264 del 1961, in materia di prevenzione delle affezioni orodentali nelle scuole, e in generale nell´educazione e nell´istruzione alla igiene orale.
L´articolo 11 di tale D.P.R. prevede che “La vigilanza igienica delle scuole e la tutela sanitaria della popolazione scolastica vengono esercitate con servizi medico-scolastici a carattere prevalentemente profilattico e con servizi speciali”, mentre l´art. 12 prevede che  “ i servizi medico-specialistici  di cui all´articolo 11 concernono: 1) le imperfezioni e le malattie dentarie”.

 


SCUOLE DI FORMAZIONE, UNIVERSITA´ E CORSI DI AGGIORNAMENTO

 

Il laureato del corso di laurea in Igiene dentale (abilitante alla professione sanitaria di Igienista dentale) che rientra nel Classe n.3 (Professioni sanitarie tecniche), è un operatore del settore sanitario che svolge, in autonomia professionale, le procedure tecniche necessarie alla esecuzione di metodiche diagnostiche su materiali biologici o sulla persona, in attuazione di quanto previsto nei regolamenti definiti con decreto del Ministro della Sanità. Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica e pratica, comprendente l´acquisizione di competenze comportamentali, nel contesto  lavorativo specifico del profilo, così da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilità nell´ambiente di lavoro.
Corsi in Igiene dentale sono attivi presso l´Università Vita Salute San Raffaele di Milano, l´Università degli Studi di Chieti, Modena, Pavia, Verona, Firenze, Napoli, Roma (“La Sapienza”), Catania, Messina, Milano, Genova, Ancona, Sassari, l´Università degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”.
Studiando i diverso ordinamenti didattici dei corsi di laurea di Igiene dentale istituiti negli atenei italiani, è possibile rilevare una certa omogeneità degli obiettivi e del percorso formativo. Tra i vari insegnamenti compaiono anche Chimica medica e Biochimica, Biologia applicata, Anatomia umana, Istologia, Patologia generale, Malattie odontostomatologiche, Medicina interna, Malattie infettive, Diagnostica per immagini e radioterapia, Farmacologia, Anestesiologia.

 


PRESENZA IN ITALIA ED EFFICACIA SULLA POPOLAZIONE

 

Carie dentali e tartaro (e i disturbi anche molto gravi che possono conseguire da tali condizioni) hanno, nonostante tutto, un´incidenza ancora molto elevata in Italia, rendendo estremamente importante il lavoro educativo, preventivo e terapeutico dell´Igienista dentale.
In relazione all´estensione ed all´ambito di esercizio della Professione sanitaria in generale, ed in quella di igienista dentale in particolare, la Costituzione italiana sancisce il principio della piena libertà della scelta e del modo di esercitare l´attività: “[…] Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un´attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società” (art. 41 Costituzione).
Per una professione come quella di igienista dentale (che in Italia non dispone ancora di un albo proprio) questo è un aspetto molto importante per quanto concerne, ad esempio, la possibilità di effettuare anestesie nel cavo orale, naturalmente per i fini consentiti dalla propria specifica abilitazione.
In generale la figura di Igienista dentale deve ancora entrare pienamente nell´immaginario culturale del cittadino italiano medio, che spesso lo confonde con l´odontotecnico o con l´assistente di poltrona: in realtà l´igienista dentale, pur lavorando frequentemente in team con odontoiatri ed altre figure specializzate, ha una propria autonomia professionale che in futuro dovrà essere meglio riconosciuta anche a livello legislativo.

 

 

TRATTATO DESCRITTIVO

 

L´igienista dentale svolge attività di educazione sanitaria dentale e partecipa ad iniziative di prevenzione primaria, nell´ambito del sistema sanitario pubblico; collabora alla compilazione della cartella clinica odontostomatologica e raccoglie i dati tecnico-statistici; cura l´ablazione del tartaro e la levigatura delle radici; è deputato ad istruire il paziente sulle varie metodiche di igiene orale ed indica le norme generali per un´alimentazione equilibrata ai fini della tutela della salute del cavo orale.
L´ablazione del tartaro, in particolare, è uno degli interventi d´elezione per l´igienista dentale: tale procedimento (noto anche con il termine “detartrasi”) consiste nella rimozione meccanica dei depositi di tartaro sui denti tramite uno strumento (“curette”) che ne raschia la formazione. Il curette può essere anche elettrico, a ultrasuoni ed è in grado di rimuovere gli agenti responsabili dell´infiammazione delle gengive.
L´ablazione del tartaro è un trattamento molto utile nella prevenzione delle patologie gengivali e parodontali ed è quindi consigliabile effettuarla con regolarità (il numero di sedute annuali va comunque concordato con l´igienista dentale).
L´ablazione del tartaro rende i denti (momentaneamente) più sensibili, sia a causa del danno provocato dal tartaro stesso nei confronti della gengiva (con conseguente esposizione delle radici dei denti), sia a causa del venir meno della “protezione” che il tartaro in qualche modo costituisce per il dente. Tale sensibilità scompare in genere dopo qualche giorno dall´intervento di ablazione.
L´igienista dentale, inoltre, rileva i parametri biometrici parodontali, esegue diagnosi clinica e radiografica finalizzate alle proprie competenze, provvede alla lucidatura delle superfici dentali, dei restauri conservativi e delle protesi fisse e mobili; rileva fattori di rischio correlati all´insorgenza di patologie del cavo orale (identificando anche eventuali correlazioni tra patologie sistemiche e condizioni orali). Rileva e segnala al dentista, inoltre, la presenza di fattori di sviluppo per placca e tartaro, prescrive collutori a fini terapeutici, prescrive fluoroprofilassi topica domiciliare e sistemica (per i bambini), esegue sbiancamenti a fini estetici.

 

 


 

Vuoi ricevere informazioni? Contattaci subito

Accetto le regole sulla Privacy e Cookie
Accetta   Rifiuta 
Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.